MOMENTO STORICO PER TERNI, APPROVATO ATTO UNITARIO CHE RIDISEGNA IL FUTURO INDUSTRIALE ED ECONOMICO DELLA CITTÀ

chimica terniIl 2014 si chiude con una vittoria storica non solo per il M5S ma per tutta la città. Nella seduta del 22 Dicembre 2014 il Consiglio comunale ha approvato un atto elaborato e sottoscritto dalla maggioranza dei gruppi consiliari che ribadisce l’approvazione della richiesta dell’istituzione di “area di crisi industriale complessa” in sede comunale ed entra nel merito della visione politica delineando gli assi politici su cui andranno sviluppati i progetti. L’apporto del M5S si è rivolto verso la chimica ternana e lo sviluppo di nuove piccole e medie imprese: sviluppare la produzione di biopolimeri e bioplastiche promuovendo la realizzazione di una bioraffineria all’interno del polo chimico al fine di dar vita ad un indotto integrato della chimica verde; sostenere, conferendo un ruolo strategico alla municipalizzata ASM, una piattaforma della Zero Waste Industry nell’area polymer favorendo la nascita di imprese impegnate nella verticalizzazione di prodotti creati dalle materie prime seconde provenienti dalla differenziata; start up di nuove imprese dell’artigianato 3.0, impegnate nello sviluppo di progetti open source attraverso sistemi di produzione o prototipazione basati su stampanti, scanner e frese 3D ad utilizzo industriale o artigianale. Questo impegnando il Sindaco “a restituire un ruolo centrale alla ricerca nel nostro territorio, in particolar modo il polo di ricerca di ingegneria dei materiali nell’ottica di una progressiva autonomia operativa da Perugia” e nella riprogettazione di un nuovo ruolo di istituto pubblico di ricerca valorizzando anche le professionalità di ISRIM. Non solo industria del riciclo ma anche Rifiuti Zero applicata ai processi industriali per la creazione di una filiera del riciclo delle scorie dell’acciaieria, il completamento della bonifica dei siti contaminati verso un percorso di reindustrializzazione e riconversione delle aree industriali dismesse. Insomma una svolta verso la compatibilità ambientali delle produzioni che raggiunge il suo culmine con “un approfondito piano di monitoraggio al fine di elaborare una strategia a breve e lungo termine per il massimo abbattimento dell’impatto delle produzioni sull’ambiente e sulla salute pubblica”. Questo è il primo passo per una nuova fase costituente per intraprendere, con la massima condivisione possibile, tutte quelle azioni necessarie alla rinascita dela nostra economia e far ritornare il nostro territorio un avanguardia per il Paese. Nei prossimi mesi infatti, come da impegno contenuto nell’atto stesso, saranno convocati gli “Stati generali dell’industria e delle piccole e medie imprese, assemblea aperta alla cittadinanza coinvolgendo associazioni datoriali, sindacati, scuole e Università al fine di dar vita ad un nuovo momento costituente dell’economia ternana”. Infine si è approvato un secondo atto volto allo sviluppo di un protocollo d’intesa per incentivare le aziende attraverso i contributi della regione ad assumere prioritativamente gli operai del polo chimico, come quelli Basell ed Ex Meraklon, che hanno perso il posto di lavoro. Una risposta concreta per lavoratori altamente specializzati con anni di esperienza alle spalle. Insomma la dimostrazione che quando c'è da cambiare rotta, se si lavora seriamente, il M5S non si tira indietro. E si vede.

Ultime da Beppegrillo.it

Ultime da Beppegrillo.it

Comunicati Comune di Terni

Comune di Terni

Ultime dal Parlamento

Ultime dal Parlamento

Menu Principale