Gettoni d'oro: il 70% di presenza fa male a molti, bugie e schizzi di fango sul M5S

È in atto un piano di boicottaggio verso l'introduzione del limite minimo del 70% di presenza durante le sedute di consiglio e di commissione per dell'erogazione del gettone ai consiglieri. Misura che colpisce al cuore tutti coloro che hanno scambiato i soldi dei cittadini come un bancomat, vedendosi erogare il gettone pieno per pochi minuti di partecipazione alle sedute.

Pressioni per trovare escamotage e vie di fuga nei metodi di calcolo e rimostranze verso l'immediata eseguibilità della modifica del regolamento, che correttamente è stata posta in essere dalla segreteria con decorrenza immediata. Questo è ciò che sta accadendo ora nelle stanze dei bottoni, accompagnato da un'onda di menzogne e fango verso il M5S che si è battuto fino all\'ultimo secondo e si continua a battere per ottenere questo importante risultato. Il 70% di presenza infatti è la prima ed efficace misura volta ad abbattere drasticamente i costi del Consiglio comunale. Una misura che eliminerà definitivamente che questi costi ricadano sulla collettività. Comportamenti vergognosi pagati anche dai cittadini onesti, sottoposti a regole ben diverse nella propria vita professionale e lavorativa, dove ritardi e assenze ingiustificate si pagano con lettere di richiamo e licenziamento. Il 70%, come il fuoco su un vespaio, sta mandando in tilt tutti coloro che per anni hanno fatto i loro comodi in consiglio. L'onda di fango sul M5S prende la forma di una vera e propria ritorsione con diffamazioni sui consiglieri e attacchi alla loro vita privata. Ecco perché siamo tenuti a fare massima chiarezza su ciò che è realmente accaduto e sulla nostra condotta in consiglio. Va ricordato come il M5S è la sola forza che con grande senso di responsabilità si è preoccupata fin dal primo giorno di far abbassare i costi della politica. Ha contribuito e contribuisce attuando fin dal primo giorno la regola della permanenza per la durata del 70% delle sedute delle commissioni e del consiglio per il conseguimento del gettone.  Ci teniamo a ricordare come sono oramai numerosi e documentati gli episodi in cui i portavoce hanno rinunciato al gettone di presenza a fronte di commissioni brevi o improduttive.  Ci teniamo a ricordare come i nostri portavoce che risiedono fuori Terni abbiano rinunciato ai consistenti rimborsi previsti delle spese di viaggio. Ci teniamo a sottolineare come l\'unica commissione presieduta da un portavoce del M5S abbia un numero di convocazioni consistentemente inferiore a tutte le altre con una produttività che nelle altre consiliature non si era mai vista. 

IL CASO DEL GETTONE ALLA COMMISSIONE STATUTO E REGOLAMENTO

La commissione Statuto e Regolamento è stata istituita solo ed esclusivamente come exit strategy per impedire che venisse introdotto il limite minimo del 70% di presenza. Tutte le modifiche regolamentari e statutarie potevano essere infatti svolte senza l\'istituzione della commissione. Il Consiglio può infatti approvare le modifiche regolamentari direttamente in aula ed approfondirle, qualora questo sia necessario, nella III^ Commissione consiliare che ha fra i propri ambiti di competenza gli "affari istituzionali". Il Consiglio poteva quindi approvare direttamente il 06/10/2014 l\'introduzione del tetto del 70% ma non lo ha fatto RINVIANDO ALLA COMMISSIONE STATUTO E REGOLAMENTO IMPONENDONE QUINDI L\'ISTITUZIONE. Ora, però, andiamo con ordine ricapitolando la cronologia degli eventi:  Il 16 settembre 2014 il gruppo M5S, primo firmatario il portavoce Federico Pasculli, deposita un atto avente per oggetto la \"Proposta di delibera di modifica dell\'art.33 del Regolamento del Consiglio comunale diritto al gettone di presenza dei consiglieri - prot.128255\" in cui si introduce il 70% di presenza per l\'erogazione del gettone. Il 6 ottobre 2014 l\'atto approda in Consiglio dove su richiesta del Vicepresidente Pennoni viene rinviato in commissione Statuto e Regolamento. I voti contrari sono solo quelli di tutto il gruppo M5S, di Enrico Melasecche, Todini Franco e Marco Cecconi.
http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2014/10/0101%2006.10.2014.pdf
(min 01:21:50) http://www.streamera.tv/movie/85518/desktop-2014-10-06-19-04-31/31/

Dopo 6 mesi di inutile attesa che venisse calendarizzato l'atto, il gruppo consiliare M5S, riporta nuovamente in Consiglio il tema con un atto d\'indirizzo depositato il 31 marzo 2015. Solo il 20 luglio 2015 gli atti arrivano a calendarizzazione. Veniamo messi però di fronte al fatto che se gli atti ,non fossero passati per la Commissione sarebbero stati bocciati. Per questo, a dispetto di chi ci dipinge come grillini con la bava alla bocca, pur di raggiungere l\'obiettivo siamo stati disposti a rinviare noi stessi gli atti in III Commissione con l\'impegno delle altre forze politiche in Conferenza dei capigruppo.
http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2015/07/0329%2020.07.2015.pdf
(01:11:10) http://www.streamera.tv/movie/107043/desktop-2015-07-20-16-52-00/17/  Invece di discutere così come richiesto dal M5S gli atti in terza commissione, le forze politiche di maggioranza e di minoranza impongono che venga istituita la Commissione Statuto e Regolamento. Il 3 agosto viene quindi discussa e approvata in consiglio l\'istituzione della Commissione con un emendamento del consigliere Orsini che prevedeva la gratuità della stessa, approvato con i voti favorevoli del M5S.
http://www.streamera.tv/movie/107818/desktop-2015-08-03-19-25-48/16/   La presidenza spetta alle opposizioni, candidato del centrodestra è il Consigliere Todini su cui ci uniformiamo nonostante informalmente avessimo espresso una preferenza per il Consigliere Crescimbeni non sostenuto però dalle altre forze politiche di centrodestra. A seguito dell\'emendamento Orsini il Consigliere Todini ritira però la sua candidatura, come rimostranza nei confronti della gratuità della commissione, dichiarando che la commissione per poter essere operativa e reale deve essere equiparata alle altre commissioni avendone la stessa dignità.
Di fronte alla rinuncia di Todini, la capogruppo del M5S Patrizia Braghiroli avanza la candidatura del Consigliere Thomas De Luca che avrebbe svolto il ruolo di presidente a titolo gratuito così come di conseguenza dell\'emendamento Orsini.
http://www.streamera.tv/movie/107818/desktop-2015-08-03-19-25-48/16/
(min 14:51 TODINI RINUNCIA ALLA CANDIDATURA BRAGHIROLI PRESENTA CANDIDATURA DI THOMAS DE LUCA)

Invece di votare Thomas De Luca alla presidenza della Commissione Statuto e Regolamento SENZA GETTONE il Partito Democratico si rifiuta di procedere alle votazioni e chiede il rinvio della votazione. Questo per terrore che il M5S potesse essere investito della Presidenza e giocare un ruolo importante nella riforma delle istituzioni. A favore del rinvio vota tutta la maggioranza compresi i consiglieri Piccinini, De Santis e Orsini, contro il voto unanime dell'opposizione per procedere al voto.
http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2015/08/0352%2003.08.2015.pdf   Il 6 agosto in occasione della discussione del bilancio il gruppo consiliare M5S ripresenta nuovamente un atto d\'indirizzo, rilanciando però dal 70 all'80% di presenza per l\'erogazione del gettone. Presi con le spalle al muro la maggioranza si astiene in blocco, vota contrariamente Mascio e l\'atto passa con i voti del M5S di Cecconi e Melasecche. Dall\'atto d\'indirizzo bisogna passare alla modifica del Regolamento per renderlo esecutivo. http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2015/08/0357%2006.08.2015%20allegati.pdf

Il 7 settembre il M5S ripropone nuovamente alla presidenza la candidatura del Consigliere De Luca con commissione gratuita. Su richiesta del Consigliere Ferranti il voto viene nuovamente rinviato con il solo voto contrario del M5S.
http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2015/09/0387%2007.09.2015.pdf
http://www.streamera.tv/movie/109068/desktop-2015-09-07-18-50-57/15/ (min 12:46)  Il 29 dicembre 2015, dopo ulteriori cinque mesi di mancata calendarizzazione della modifica esecutiva sul Regolamento, il gruppo M5S chiede che questo venga posto all\'ordine del giorno. Grazie alle assenze della maggioranza il M5S riesce ad iniziare la discussione dell\'atto obbligando la maggioranza a discuterlo oppure a far cadere il numero legale. Cade il numero legale ma il punto rimane comunque in trattazione imponendo di iniziare la discussione del Consiglio successivo su questo. http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/Atto/2015/12/0559%2029.12.2015.pdf   L'11 gennaio il Partito Democratico dichiara di voler rinviare per l\'ennesima volta la modifica del regolamento che sarebbe stata esecutiva senza la necessità di istituzione della commissione. Ci troviamo di fronte alla scelta di veder vincere per l\'ennesima volta i furbetti del gettone oppure obbligarli nella loro stessa retorica a prendere una posizione. Per questo cerchiamo di convincere Franco Todini a fare nuovamente un passo in avanti e avanzare la sua candidatura. Il Consigliere Todini pone però nuovamente una conditio sine qua non alla sua candidatura: la reistituzione del gettone per la Commissione Statuto e Regolamento. Di fronte alla scelta fra continuare a vedere lo spettacolo vergognoso del \"prendi il gettone e scappa\", di gente che per solo pochi minuti di presenza vedeva erogarsi 91 euro di soldi dei cittadini abbiamo scelto di dare il nostro consenso a questa condizione per una commissione di durata temporanea, con una bozza di revisione fatta nella scorsa consiliatura già ultimata.

Todini avanza nuovamente la candidatura e il Partito Democratico non ha più scuse deve votare e rendere operativa la commissione. Vengono così eletti Franco Todini con i voti di tutta la minoranza e Luigi Bencivenga con i voti della maggioranza.

 

 

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.