Coprire i buchi dell'amministrazione con le sanzioni sulla raccolta differenziata: il M5S dice NO

La posizione attribuita al sottoscritto da parte dell'assessore all'ambiente Giacchetti in un comunicato apparso mercoledì 13 luglio sul sito del comune di Terni, in merito al nuovo regolamento dei rifiuti è palesemente falsa e frutto della pura fantasia. A smentire le deliranti affermazioni di Giacchetti sono le registrazioni e i verbali della commissione che certificano una profonda disonestà intellettuale che non merita alcun commento. Nostro interesse è però informare la cittadinanza delle nostre proposte, delle nostre considerazioni sul regolamento al netto delle bufale dell'assessore.

Nel corso della seduta il M5S ha presentato 7 emendamenti che chiedono in primo luogo l'inserimento di due punti chiave: che i proventi delle sanzioni siano totalmente destinati ad un fondo per l'abbassamento della TARI e per il potenziamento della raccoltache venga istituito un periodo transitorio che vada dai 3 ai 6 mesi in cui i controlli a tappeto abbiano l'obiettivo di correggere ed informare i cittadini inadempienti sospendendo le sanzioni. Ovviamente, è bene chiarire, non ci riferiamo alle violazioni ed ai reati puniti dalla legge nazionale e regionale ma alle nuove disposizioni comunali previste dal regolamento.

A Di Girolamo servono soldi per poter continuare a tirare avanti la sua disastrosa Giunta, pensano di poter coprire i buchi vessando i cittadini con multe a tappeto, spesso anziani disorientati da un'informazione sulla raccolta differenziata praticamente nulla, quando non è contraddittoria. Per questo è necessario che i proventi delle sanzioni siano destinati alla riduzione della pressione fiscale e non ad ingrassare la vacca, contemplando un periodo transitorio volto ad assicurarsi che anche le persone più semplici riescano a comprendere il meccanismo con cui fare la differenziata.

Quello che ribadiamo è che il nuovo regolamento è costruito su un sistema di raccolta, quello del piano dell'ATI4, grottesco, obsoleto e che trova le sue massime criticità nella raccolta condominiale. Un sistema destinato a fallire che ci condurrà ad una emergenza rifiuti estiva con la città completamente sommersa dalla monnezza. Per questo è necessario che il regolamento sia un documento aperto a correzioni e modifiche anche dopo la sua approvazione, quando sarà necessario porre in essere immediate soluzioni a fronte di una pianificazione ridicola.

Se Giacchetti ha bisogno di soldi li trovi facendo rispettare il contratto di servizio ad ASM, oppure sanzioni il suo Sindaco Presidente dell'ATI4. Ci riferisca se la RTI che gestisce la raccolta ha rispettato o meno il contratto di servizio, malgrado l'ennesimo vergognoso spostamento al 2017 dell'obbligo del 65% di raccolta differenziata, ci spieghi.

Chiaro che Giacchetti è assessore perché ha il mandato dei vecchi del partito, quelli che volevano mandare avanti l'inceneritore unico con la raccolta differenziata. Proprio quei vecchi "sobri e credibili" rappresenta il giovane Giacchetti. Parli del passato e lasci il futuro ad altri interlocutori.

Ultime da Beppegrillo.it

Ultime da Beppegrillo.it

Comunicati Comune di Terni

Comune di Terni

Ultime dal Parlamento

Ultime dal Parlamento

Menu Principale