"Verba volant". Le parole dell'assessore Barberini non rassicurano sul futuro dell'Ospedale di Terni

"Verba volant". Le parole dell'assessore Barberini non rassicurano sul futuro dell'Ospedale di Terni

DAL DEPOTENZIAMENTO A FAVORE DI PERUGIA UN DANNO PER LA SANITÀ DELL'INTERA REGIONE.
M5S CHIEDE DI RIVEDERE COMPLETAMENTE IL PIANO SANITARIO REGIONALE.


Pur ascoltando le rassicurazioni date dall’Assessore Barberini, presente lunedì mattina in audizione nella II Commissione consiliare del comune di Terni, le indiscrezioni trapelate dalla bozza del Piano Sanitario Regionale 2019-21 lasciano poco all’interpretazione.
Si parla a chiare lettere di accorpamenti e di unificazione di reparti ed ospedali sulla base di criteri che, a mio modo di vedere, porterebbero ad un’inevitabile depotenziamento dell’ospedale di Terni nel momento in cui si utilizza il volume dell’attività sanitaria - il numero degli interventi per intenderci -  come parametro dirimente per definire la localizzazione del centro di riferimento. E’ innegabile che Perugia parta avvantaggiata sia per il bacino di utenza più esteso, sia per un’Università che interviene a pieno regime, sia perché, fino ad ora, la Regione ha innegabilmente lavorato per sviluppare prevalentemente una parte dell’Umbria lasciando le briciole alla provincia di Terni.
Il nosocomio ternano continua nonostante tutto ad avere una forte attrattività verso la parte laziale confinante (si stima una mobilità attiva di circa il 20% a fronte di un 9% del perugino),con un utenza che verrebbe sicuramente persa nel momento in cui si depotenziasse ulteriormente l’Az.Ospedaliera dato che il paziente del reatino o del viterbese sarebbe più propenso nell’andare a Roma rispetto Perugia. Questo dimostra come non si possa considerare l’unificazione delle due aziende al fine di eseguire la semplice somma algebrica dei rispettivi pazienti.  
Riguardo agli investimenti per lo sviluppo dell’Az. Ospedaliera fatti dalla Regione (40 milioni di euro per la parte strutturale e 20 milioni per l’aggiornamento tecnologico) quelli che l’assessore considera investimenti per Terni, il sottoscritto li chiama fondi dovuti, anche in ritardo, affinché si eviti la chiusura dell’Ospedale, tuttora inadempiente ai fini delle normative sulla sicurezza. Tali investimenti, quindi, hanno la sola funzione di mettere in regola una struttura che ad oggi non lo è, ma che prosegue con continue deroghe.
Anche l’argomento dell’aggiornamento tecnologico delle attrezzature sanitarie, seppur necessario, viene ridimensionato dal fatto che si inseriscono in una struttura obsoleta, spesso con il supporto di personale che dovrebbe utilizzarlo, ma insufficiente di numero. Su questo frangente i dati che arrivano all’assessore stesso sono quanto meno contrastanti con la realtà: da una parte si assiste ad una riduzione del volume degli interventi chirurgici per mancanza di anestesisti (un esempio su tutti), dall’altra si evince dal documento del fabbisogno di personale redatto dalle aziende stesse, una situazione nella quale il personale risulta al completo.
A tutto ciò si aggiunge il momento di particolare fragilità per l’azienda ospedaliera di Terni la quale vede allontanarsi i principali attori dell’Alta Specializzazione: il cardiochirurgo Pardini andrà in pensione il primo di febbraio; la professoressa Liberati, oncoematologa, in via di pensionamento; il neurochirugo Carletti già ha lasciato il nosocomio ternano per lavorare in Toscana; il professor Puma, chirurgo toracico di fama internazionale, che prima
lavorava a Terni ora esercita a Perugia.
E’ innegabile che una situazione del genere crea incertezza che non può essere sopita solo dalle parole. Quella che viene proposta come accorpamento al fine di efficientare la sanità regionale rischia, in ultimo, di avere l’effetto contrario a causa proprio della diversa tipologia dell’utenza delle due strutture ospedaliere umbre.

Claudio Fiorelli,
consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle al Comune di Terni

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

07 Aprile 2020

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.