Ricognizione delle società partecipate prevista sin dal 2007

Presentato il 10/12/2014

Al presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Mascio
Al Sindaco Leopoldo Di Girolamo

Interrogazione a risposta urgente

Oggetto: Ricognizione delle società partecipate prevista sin dal 2007 e secondo DL 16 del 6 Marzo 2014 prorogata con scadenza ultima al 31-12-2014, termini ultimi per approvare in consiglio tale ricognizione.

PREMESSO

· Che, con lettera numero 39364 del 14-03-2014 indirizzata a Sindaco, Vice Sindaco, Pres. Del Consiglio e Segretario Generale, il Dirigente Dr. Pertichetti sollecitava un rapido intervento circa questa tematica, data l’avvicinarsi del termine ultimo segnalato per tale ricognizione.

· Che nella stessa lettera il dirigente segnalava che, secondo il comma 29 dell’articolo 3 della legge 24 dicembre 2007 n.244, decorsi i termini a disposizione, la partecipazione non alienata mediante procedura di evidenza pubblica cessa ogni effetto; entro dodici mesi successivi alla cessazione la società liquida in denaro il valore della quota del socio cessato in base ai criteri stabiliti dall’articolo 2437-ter, secondo comma, del codice civile.

· Che come evidenziato nella stessa lettera, più volte la direzione ha sollecitato nel tempo al Consiglio ben tre proposte di deliberazione adottate dalla Giunta Comunale senza che si riuscisse poi mai ad inserirle all’ordine del giorno di alcun consiglio,

· Che, infine sempre la stessa lettera segnalasse come la Corte dei Conti dell’Umbria richiedesse sistematicamente notizie su tale adempimento e che il protrarsi di tale non attuazione della procedura segnalata complicasse ogni giorno di più la situazione della nostra amministrazione.

CONSIDERATO CHE:

· Che, per ben tre volte si iniziò tale processo di ricognizione come da delibere di giunta (576 del 20.12.2010 – 222 del 31-08-2011 – 170 del 24-05-2014 senza avere mai seguito all’Ordine del Giorno di alcun consiglio.

· Che, nella fattispecie nelle delibere 222 e 170 anche a distanza di un anno il Consiglio Comunale riteneva di dover mantenere le sue partecipazioni in diverse società partecipate, fra cui A.T.C. S.p.A. e Interporto di Orte S.p.A..

· Che, durante le ricognizioni effettuate in virtù di queste delibere, risulta che l’Interporto di Orte nonostante sollecitazioni, prima nel 2011 e poi nel 2012 non abbia mai fornito le informazioni richieste per operare tale ricognizione, e lo stesso è ben evidenziato nelle schede consuntive.

· Che, lo stesso Interporto secondo gli ultimi dati forniti risulta in forte perdita secondo la scheda dei risultati di esercizio sia nel 2009(-119.000) che nel 2008(-116.000) mentre nel 2007 era in attivo(+66.000).

· Che, secondo lo schema consuntivo dei risultati Attivo/Perdita l’Atc il risultato ATC risulta essere sempre 0.

· Che, la deliberazione 130 del 21-04-2014 dettava fra i criteri di indirizzo sulle valutazioni circa il mantenimento/cessazione delle partecipazioni azionarie nelle società interessate all’operazione di ricognizione, citando il criterio B: “Occorre riconsiderare la quota di partecipazione azionaria del Comune nelle Società che abbiano riportato perdite per tre esercizi consecutivi attraverso un delicato bilanciamento con il grado di strumentalità rispetto alle finalità istituzionali dell’Ente che in detto ultimo caso deve interpretarsi in senso particolarmente rigoroso”.

RITENUTO

· Che, sia inammissibile che ad oggi dal 2007 non ci sia mai stata regolare discussione su tale ricognizione e che oggi ci apprestiamo a giungere a scadenza termini senza conoscere le sorti di tutte le nostre partecipate.

· Che, sia inoltre inammissibile che una nostra partecipata come l’Interporto di Orte di cui possediamo ben il 9,39%, non abbia risposto per ben due anni alle richieste di informazioni inoltrate dall’amministrazione locale e che l’unica azione effettuata sia stata, riporto parole inserite in relazione”L’Interporto di Orte è stato invitato formalmente ad una più collaborativa gestione”.

INTERROGA IL SINDACO PER SAPERE


1) A che punto sia la ricognizione di tutte le nostre partecipate e quali siano gli indirizzi riguardanti il complesso della nostra futura partecipazione in esse e quando tutte queste avranno regolare passaggio in consiglio.


2) se sia stata più sollecitata alcuna azione allo scopo di ricevere le comunicazioni e le informazioni da parte dell’Interporto di Orte, e se ci sia stata risposta.

3) quale sia l’attuale situazione operativa ed economica dell’Interporto di Orte e quali sono le indicazioni circa la permanenza o meno in tale partecipata

4) quali sia l’indirizzo circa la permanenza della nostra amministrazione nella partecipata ATC.


Consiglieri Comunali Movimento 5 Stelle - 
Federico Pasculli Thomas De Luca Valentina Pococacio Angelica Trenta Patrizia Braghiroli

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

Feed non trovato

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.