Proposte alternative al progetto di costruzione del cavalcavia in Via Alfonsine a Terni

Atto presentato il 03 Luglio 2014

Al Sindaco di Terni

Al Presidente del Consiglio Comunale

Agli Assessori competenti

Alla Segreteria Generale del Comune

 

ATTO DI INDIRIZZO

 

OGGETTO: Proposte alternative al progetto di costruzione del cavalcavia in Via Alfonsine a Terni

 

 

PREMESSO


che l’Amministrazione comunale di Terni Comune di Terni, con D.C.C. n. 402 del 29 Dicembre 2010, ha approvato il piano attuativo in variante al P.R.G. parte operativa nucleo compreso tra Via Alfonsine e Via Montefiorino e il progetto delle relative opere di urbanizzazione che oltre l’insediamento del “Polo commerciale EMMEGI S.r.l.” di Marcangeli Giunio prevedeva anche la costruzione di un cavalcavia per la sopra elevazione del traffico veicolare in Via Alfonsine. Ll’Amministrazione Comunale nel mese di giugno 2012 ha autorizzato l’inizio dei lavori;


che nei primi giorni di giugno 2012, in seguito ad insistenti richieste effettuate nel corso dei mesi precedenti, una delegazione del Condominio di Via Alfonsine, Viale Villafranca e Via Montefiorino in cui tra l’altro insiste anche il plesso Commerciale Pianeta, insieme all’Amministratore, fu ricevuta dall’Ass. Marco Malatesta nel suo ufficio per confrontarsi sul progetto del cavalcavia. La delegazione, non soddisfatta, dalle motivazioni addotte dall’Assessore, chiese di fissare una data per lo svolgimento di un’assemblea pubblica da tenersi presso il Polis nel quartiere Cospea, assemblea tenutasi il 24 luglio 2012.
Nel corso dell’assemblea l’ass. Marco Malatesta, il presidente della Circoscrizione Sud Moreno Rosati e l’imprenditore edile Giunio Marcangeli anziché attenersi al motivo per il quale era stata chiesta e convocata, illustrarono il progetto del nuovo Polo commerciale denominato EMMEGI. Solo al termine di tale illustrazione fu possibile ai cittadini entrare nel merito della costruzione del cavalcavia. Le risposte alle richieste di chiarimenti furono evasive e destarono preoccupazione per l’impatto ambientale che avrebbe causato il cavalcavia e l’insediamento del nuovo del polo commerciale – di pari dimensioni del Pianeta – del quale, fino a quel momento, i cittadini non ne avevano avuto contezza;

che l’esito negativo dell’assemblea determinò insoddisfazione tra i cittadini che vi parteciparono tant’è che subito furono raccolte le firme dei residenti che si opponevano alla costruzione del cavalcavia e la petizione fu inviata al Sindaco. Nei primi giorni di agosto 2012 alcuni residenti di Via Alfonsine organizzarono una conferenza stampa per esporre il risultato dell’assemblea. Successivamente, precisamente in data 27.08.2012 si costituì, come naturale conseguenza, il “Comitato No Cavalcavia - Pro Cospea” il cui fine per statuto era, è e sarà la difesa del territorio e dei diritti dei cittadini che vi risiedono.


che in data 04 ottobre 2012 l’Assessore Malatesta nella riunione che si svolse nel suo ufficio, invitò la delegazione del Comitato a fare proposte concrete che avrebbe subito sottoposto alla valutazione dei tecnici dell’Amministrazione Comunale, assumendosi l’impegno di comunicarne tempestivamente l’esito al Comitato. Tra l’altro, lo stesso Assessore, nel corso dell’ultimo dei cinque workshop multidisciplinari del MAT “mese dell’Architettura”, organizzati dall'Ordine degli Architetti di Terni, avente per tematica “IL QUARTIERE”, svoltosi il 26 ottobre 2012, rivolgendosi ai rappresentanti del Comitato No Cavalcavia Pro Cospea dichiarò pubblicamente: “… anche l'Amministrazione Comunale può sbagliare e quando i cittadini fanno proposte alternative concrete, costruttive, l'Amministrazione può rivedere le proprie posizioni e fare un passo indietro …”.


che in data 04 dicembre 2012, il Comitato accolto/a l’invito/sfida proposta dall’Assessore, presentarono quattro proposte di soluzioni alternative al cavalcavia, tutte meno impattanti dal punto di vista urbanistico, dell’inquinamento ambientale e più economiche, addirittura la proposta della rotonda con un costo stimato di ¼ rispetto al cavalcavia. Con il risparmio, trattandosi degli oneri di urbanizzazione si sarebbero potute soddisfare le richieste di interventi di riqualificazione nel quartiere Cospea e nel quartiere S. Giovanni, da molto tempo chiesti all’Amministrazione Comunale, tutt’ora disattesi.


che in data 18 giugno 2013, il Comitato chiese un’audizione alla 1^ Commissione Consiliare, richiesta sollecitata il 28 agosto 2013. A tutt’oggi non è stato fornito alcun riscontro nonostante i ripetuti solleciti inoltrati dal Comitato all’AmministrazioneComunale e ciò desta tra i cittadini sconcerto e preoccupanti perplessità.

SOTTOLINEATO


che il quartiere Cospea di Terni non può contare su un parco fruibile dai cittadini e, considerato il rapporto tra l’estensione totale delle aree verdi, rispetto all’estensione dell’intero quartiere, nonchè il rapporto con il numero di abitanti residenti, (mq. di Verde per Abitante” e “metri quadri di verde “fruibile” per Abitante”), oltre la presenza un ipermercato con un parcheggio di 1.100 posti auto, risulta essere sicuramente basso, assolutamente lontano dai livelli che rendono più gradevole l’ambiente ai cittadini o comunque quello che gli esperti del settore ritengono elementi di base per il benessere e la vivibilità di una città. La parola fruibile nella frase “metri quadri di verde fruibile per Abitante” è sottolineata per evidenziare che il verde in gestione da parte dell’Amministrazione in molti casi non è direttamente accessibile alla cittadinanza, perché costituito da aiuole spartitraffico o di separazione di corsie stradali. Oltretutto, in alcuni tratti di Viale Villafranca, Via Alfonsine e Via Montefiorino, prospicienti il Centro commerciale Pianeta, risultano falcidiati da anni, per vari motivi, circa 30 alberi mai sostituiti.

PRESO ATTO


che la Giunta Comunale, in data 14.09.2012, ha approvato un atto d’indirizzo per la formulazione di una proposta di “Contratto di Valorizzazione Urbana”, introdotto dall’articolo 12 del Decreto Legge 83 del 22 giugno 2012, adottando e quindi ritenendo validi i criteri generali in esso riportati che qui riassumiamo:

  • La riduzione di fenomeni di tensione abitativa, di marginalizzazione e di degrado sociale;

  • Il miglioramento della dotazione infrastrutturale anche con riferimento all’efficientamento dei sistemi del trasporto urbano;

  • Il miglioramento della qualità urbana, del tessuto sociale ed ambientale, criteri che sembrano invece contrastare totalmente con l’intervento programmato ed approvato dall’amministrazione Comunale, oggetto del presente atto;

che la giunta comunale in data 13.11.2013 ha adottato delle nuove modalita attuative per la predisposizione di varianti urbanistiche, per la corresponsione degli oneri compensativi ai sensi della DCC n.122/2010 e della LR n.12/2013, in cui viene stabilito che:


  • la richiesta di variante presentata dai privati ,per essere esaminata , deve dimostrare l’interesse pubblico, per la sua redazione;

  • qualora venissemotivato l’interesse pubblico, si trasmette copia della proposta di variante urbanistica alla direzione patrimonio per la valutazione dell’incremento di valore prodotto, per l’accettazione da parte della ditta proponente;


che l’interesse pubblico ad individuare una variante alternativa al progetto approvato, è rilevante ed acclarato proprio dalla presente richiesta che è condivisa dalla maggioranza dei residenti della zona oggetto di intervento, nonché da molti cittadini ternani, e che le proposte alternative descritte con la presente richiesta sono tutte più economiche della costruzione del cavalcavia previsto dall’Amministrazione Comunale, e che pertanto non costituendo un incremento di valore prodotto non devono essere sottoposte ad accettazione da parte della ditta esecutrice dell’intervento, limitatamente alla determinazione della corresponsione degli oneri compensativi.


TENUTO CONTO


che a seguito delle criticità sopra esposte sono scaturite proteste e richieste da parte dei residenti dei quartieri Cospea/ S.Giovanni, nonché da parte di altri cittadini ternani, che la scrivente Unione di Comitati e di Associazioni ha inteso formalizzare con le seguenti proposte di ipotesi di soluzioni alternative al progetto di costruzione del cavalcavia in Via Alfonsine, tutte tese a dialogare con l’ambiente circostante e con l’edificato in prossimità, garantendo in tal modo il minore impatto ambientale possibile, concreta funzionalità e costi di realizzazione e di mantenimento in esercizio contenuti.


PROPOSTA “A” Realizzazione di una galleria ciclo pedonale sotterranea con accesso non meccanizzato.

PROPOSTA “B” Realizzazione di una passerella ciclo pedonale in sospensione.

PROPOSTA “C” Realizzazione di una passerella ciclo pedonale asservita da ascensori pubblici gemellati.

PROPOSTA “D” Realizzazione di una rotonda.

IL CONSIGLIO COMUNALE DI TERNI IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA


  1. di avviare, in tempi brevi e certi, tutto l’iter amministrativo necessario per modificare , di concerto con il Soggetto attuatore, il progetto delle opere di urbanizzazione e della costruzione del cavalcavia in via Alfonsine , individuando una ipotesi alternativa scelta fra quelle formulate dalla UNIONE DEI COMITATI E DI ASSOCIAZIONI PRO COSPEA – S. GIOVANNI o da altre ipotesi progettuali comunque migliorative e alternative alla costruzione di un cavalcavia.

  2. ad avviare, in tempi brevi e certi, l’iter amministrativo necessario, di concerto con il Soggetto attuatore e con il Comitato No Cavalcavia - Pro Cospea proponente la delibera di iniziativa popolare, affinchè vengano individuati tutti gli interventi ulteriori che sarebbero quindi realizzabili per la riqualificazione dei quartieri Cospea e San Giovanni, fino a concorrenza delle somme già determinate, considerando che con la sopra citata variante si determinerà un’economia, quantificata ad esempio indicativamente in un MILIONE DI EURO nel caso della costruzione di una rotonda di cui alla proposta “D”, sul costo delle opere da realizzare.


Terni,li 03/07/2014 ,

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

 
 
 

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

08 Luglio 2020

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.