M5S A FAVORE DELLA VITA INDIPENDENTE DEI CITTADINI DISABILI

assistenza indiretta

In data 6 ottobre verrà discusso in Consiglio comunale l'atto proposto dal gruppo consigliare M5S avente per oggetto “Assistenza socio-sanitaria indiretta”.
Il M5S – spiega Angelica Trenta – intende porre l'attenzione su una questione tanto importante quanto urgente: il diritto del cittadino disabile alla libera scelta e alla vita autonoma e indipendente, tematica affrontata in questi anni dal Movimento anche grazie al contributo e al dialogo con le associazioni che si occupano di disabilità.
La regione Umbria, dal 2005 ad oggi ha di fatto portato avanti una politica che punta all’abolizione dell'assistenza indiretta privilegiando solo quella diretta, non lasciando, di fatto, scelta ai cittadini diversamente abili e alle loro famiglie riguardo il tipo di assistenza cui essi preferibilmente auspicano.
Questa decisione risulta essere in controtendenza rispetto a tutte le altre regioni d'Italia nelle quali, assistenza indiretta (assistenza personale domiciliare, a scelta del disabile) e assistenza diretta non sono in contrapposizione e convivono virtuosamente.
Secondo il parere del M5S, a tornare al centro della discussione deve essere il diritto alla vita indipendente del cittadino disabile e alla libera scelta riguardo il tipo di assistenza, così come recita in particolar modo l'art.19 della Convenzione ONU ratificata nel 2009 dal Parlamento italiano, convenzione già precedentemente recepita dal Comune di Terni con una delibera del 2008.

 

Il Comune di Terni ha fatto passi avanti in tal senso quando, con la convenzione del 2014 Comune-AUSL2 (delibera n.185 del maggio 2014) con la quale s'impegna a prevedere, fra le varie possibilità, anche il contributo economico per la famiglia con disabilità per assistenza famigliare, quindi per l'assistenza indiretta. Ad oggi infatti i contributi per l'assistenza indiretta risultano essere nulli o certamente minori rispetto a quelli investiti per l'assistenza di tipo diretto, eliminando in tal modo il diritto del disabile a scegliere quale tipo di assistenza egli ritenga più consona alla sua persona.

Nella convenzione si afferma che le persone con disabilità possano scegliere il proprio luogo di residenza, dove e con chi vivere oltreché garantire loro l'accesso ad una serie di servizi a domicilio o residenziali o ad altri tipi servizi sociali di sostegno compresa l'assistenza personale.
Il problema – e qui la ragione dell’atto del M5S – è che ad oggi quella convenzione non è ancora stata applicata.
E’ quindi un atto dovuto a tutti quei cittadini e a quelle associazioni che chiedono che i diritti del disabile vengano finalmente e completamente riconosciuti anche nel nostro territorio e che essi non siano invece terreno di battaglia e oggetto di strumentalizzazione per i potenziali interessi che gravitano direttamente o indirettamente intorno al mondo della disabilità.
Nel nostro atto si afferma come l'offerta di assistenza indiretta non può essere necessariamente
sostitutiva di quella diretta, né sostituisce l'utilità dei centri diurni o delle strutture residenziali: i
diversi tipi di assistenza infatti possono virtuosamente coesistere.
Ricordiamo che in tale direzione, l'attuale sindaco Di Girolamo, durante la campagna elettorale per le scorse amministrative firmò, insieme agli altri candidati sindaci - tra cui la candidata del M5S Angelica Trenta - alcuni documenti presentati dalle associazioni dei disabili in cui si prendeva l'esplicito impegno a “garantire il diritto di vivere nella propria comunità sociale, con la stessa libertà di scelta delle altre persone e definire una rete di servizi e di opportunità per favorire la vita autonoma e indipendente” (punto 4 del documento delle associazioni che aderiscono alla FISH e alla FAND).
L’auspicio è quindi che il 6 ottobre la politica faccia il suo dovere: che il Consiglio voti nell'interesse del cittadino disabile e dei suoi diritti e che un suo eventuale rimando evidenzierebbe quanto Convenzioni e delibere possano diventare carta straccia se non applicate; far aspettare ancora vorrebbe dire non considerare la tutela dei diritti dei disabili una priorità del nostro Comune.
L’atto non chiede infatti nulla di più se non che venga immediatamente applicato quanto già deliberato dal Comune e sottoscritto dal sindaco Di Girolamo relativamente al riconoscimento
di quei diritti all'autonomia e alla vita indipendente e quindi all’assistenza socio-sanitaria indiretta che solo in questa regione viene ancora in parte negata. A tal proposito invitiamo tutti i soggetti interessati alla seduta del 6 ottobre che si terrà alle ore 15 presso la Sala Consigliare di Palazzo Spada.

 

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

19 Dicembre 2018

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.