LE PROPOSTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE PER SALVARE L’ISRIM E LA RICERCA PUBBLICA: FONDAZIONE CARIT, MANAGEMENT ADEGUATO, INTEGRAZIONE COL TERRITORIO.

Logo IsrimFar morire la ricerca pubblica vuol dire togliere ogni speranza di rinascita a questa città, tagliando le gambe a quelle prospettive di sviluppo che vanno a beneficio dell’intera collettività, e non necessariamente legate alla logica del profitto, togliendo di scena un attore fondamentale nel sostegno a quello che resta dell’Università e del tessuto industriale del nostro territorio.
L’Isrim ad oggi è una chiara metafora del fallimento totale della politica (per come è interpretata dai partiti) nella gestione della cosa pubblica.
L’Istituto è stato creato 30 anni fa dalla politica e, dalla stessa abbandonato quando sono venuti a mancare i contributi pubblici che dagli anni ‘90 sono caduti a pioggia ed hanno consentito a chiunque di banchettare. Quindi è la politica, che dopo aver assunto le persone ed investito pubblici denari (30 miliardi di vecchie lire), ha abbandonato l’Istituto a se stesso già da oltre dieci anni. Malgrado ciò, l’ISRIM è cresciuto in competenze e attività, attirando finanziamenti europei, aziende innovative locali e nazionali, Università ed Enti di Ricerca in Italia e all’estero, ma la crisi economica e politica che ormai affligge l’Italia ha messo in ginocchio l’Istituto, anche a seguito degli ultimi due anni di gestione pubblica (Sviluppumbria insieme a Comune e Provincia di Terni).
Ora, la stessa politica vuole disfarsi definitivamente di ciò che rimane del progetto, dilapidando un capitale di risorse umane di inestimabile valore, “risorse umane”, che ogni tanto è bene ricordarlo sono persone, famiglie con bambini e mutui da pagare.
Se la cordata di imprenditori che sta valutando un offerta d’acquisto da formalizzare entro il 7 Ottobre si tirerà indietro, l’ennesimo disastro della politica sarà perpetrato, malgrado ciò, anche nella migliore delle ipotesi, perderemo la ricerca pubblica e la capacità di innovare il nostro territorio.

Logo IsrimPer il M5S, l’Istituto non va salvato sic et simpliciter, ma nell’ottica di un percorso cittadino verso la ricerca e l’innovazione a favore dello sviluppo del tessuto industriale locale, facendo da volano a nuove realtà sia industriali che tecnologiche. In tutto ciò bisogna guardare avanti, da qui a dieci o vent’anni.
Occorre pertanto sottrarre sia alla politica, che ai privati interessati solo allo sfruttamento del ramo “analisi”, l’Istituto, e nel contempo rilanciarne l’attività, inclusi la Formazione e i Sevizi Avanzati alle imprese.
Come? Attraverso una road map che richiede l’impegno dell’unica realtà cittadina di natura privatistica, dotata di fondi adeguati e con uno scopo istituzionale di lungo termine: la Fondazione Carit, che dovrebbe  rilevare le quote societarie in mano sia al pubblico che al privato, diventando azionista unico.
E’ necessario rinnovare il contratto di comodato dei locali con la Regione (o pensare ad una diversa allocazione dell’Istituto in aree già attrezzate ed attualmente inutilizzate - i.e. ex BIC), rinnovando il parco attrezzature e laboratori.
E’ indispensabile in questo contesto una figura esterna manageriale adeguata, cosa che in questi anni è mancata totalmente, che possa rilanciare con una strategia aggressiva il ramo “laboratorio” allo scopo di riportarlo in utile con un cash flow positivo da destinare al parziale finanziamento del ramo “ricerca”.
Rilanciare il ramo “ricerca” con l’indizione di bandi internazionali il cui ambito potrebbe essere quello, in parte, già seguito: l’ambiente, il risanamento, la bonifica e il recupero dei materiali, che andrebbe valutato periodicamente sulla base delle pubblicazioni scientifiche e dei brevetti registrati, che verrebbero sfruttati dal ramo “laboratorio” (così da creare, nel tempo, un circolo virtuoso) e concessi in licenza solo ad apposite start-up locali.
A fronte di ciò, il M5S intende promuovere un’azione atta a concretizzare una proposta per salvare il patrimonio dell’Istituto, un patrimonio che è di tutti i cittadini, vittime per l’ennesima volta del malgoverno e delle beffe dalla politica locale.

Seguici sui Social Network

Notizie dal M5S Umbria

19 Dicembre 2018

informazioni

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gli aggiornamenti direttamente nella tua casella email
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

Popular

Menu Principale

Utilizziamo i cookie per fornire statistiche che ci aiutino a offrirti una migliore esperienza del nostro sito. Puoi scoprire di più o spegnerli se preferisci. Tuttavia, continuando a utilizzare il sito senza modificare le impostazioni, accetti il nostro utilizzo dei cookie.