Interrogazione a risposta urgente avente per oggetto: Richiesta di autorizzazioni "EX Printer" e attivazione secondo inceneritore a Terni

Presentato il 08/09/2014

Al Signor Sindaco del Comune di Terni
al Presidente del Consiglio comunale di Terni

alla Segreteria generale del Comune


Interrogazione a risposta urgente avente per oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONI “EX PRINTER” E ATTIVAZIONE SECONDO INCENERITORE A TERNI

Considerato

Che la Società Terni Biomassa s.r.l., società della holding Tozzi S.p.A., proprietaria dell’impianto ex Printer,  ha presentato in data 12 agosto 2014 alla Regione Umbria, depositata anche presso il Comune di Terni, un’istanza di verifica di assoggettabilità a V.I.A. (valutazione di impatto ambientale) dalla quale si apprende l’intenzione di bruciare rifiuti ospedalieri, anche a rischio infettivo, fanghi di depurazione, rifiuti urbani nella forma di CDR e altre tipologie e quella di abbandonare la tecnologia pirolisi per dedicarsi, unicamente alla combustione dei rifiuti. Che intende inoltre triplicare la capacità della messa in riserva dei rifiuti da 300 a 900 tn aumentando l’area di stoccaggio, tra l’altro in area a rischio esondazione.

Che il comma 1 dell’art.10 della bozza di decreto Sblocca Italia “... Tali impianti, individuati con finalità di progressivo riequilibrio socio-economico fra le aree del territorio nazionale...costituiscono infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale.” lascia intendere un possibile superamento del vincolo regionale nella gestione dei rifiuti e che questo comporterebbe la possibilità di vedere bruciati a Terni rifiuti provenienti da tutta la penisola.

 

Che, come si legge nell’avviso al pubblico prodotto dalla società stessa, il progetto avrebbe un impatto sul territorio e sulla popolazione legato alla qualità dell’aria, per le emissioni in atmosfera convogliate e diffuse, al traffico indotto al trasporto del combustibile, al quantitativo dei rifiuti prodotti.

 


INTERROGA IL SINDACO PER SAPERE:

  • se sia a conoscenza dei fatti sopradescritti;

  • in che maniera intenda pronunciarsi in merito alla questione e quale posizione intenda prendere all’interno dell’eventuale conferenza dei servizi;

  • se sia stata inviata la lettera a tutti i Comuni umbri, indicata nell’atto avente oggetto “Chiusura del ciclo dei rifiuti con processi alternativi alla produzione di combustibile solido secondario a valle del trattamento meccanico biologico.” approvato in seduta di Consiglio il 29/07/2014, invitandoli a portare in discussione nei rispettivi Consigli comunali analoga mozione;  

  • quali iniziative, presenti nel medesimo atto sopraindicato, volte a sottoscrivere con la Regione dell’Umbria un protocollo d’intesa affinché l’utilizzazione del CSS come combustibile in qualsiasi sito industriale sia subordinato ad un parere vincolante del Comune, siano state attuate;

  • quando intenda avviare il “tavolo pubblico di partecipazione diretta anche attraverso una collaborazione con le forze d’opposizione, tenendo conto delle competenze e dell’expertise maturata in questi anni, con i comitati civici e  tutte le associazioni ambientaliste”, indicato sempre nell’atto sopracitato, volto a individuare ed attuare soluzioni alternative alla produzione di combustibile solido secondario per la piena attuazione della Strategia Rifiuti Zero indirizzando con urgenza ASM verso un impianto di riciclo del residuo secco.

 

Terni, li 08/09/2014,

Gruppo Consiliare  MoVimento 5 Stelle

Ultime da Beppegrillo.it

Ultime da Beppegrillo.it

Comunicati Comune di Terni

Comune di Terni

Ultime dal Parlamento

Ultime dal Parlamento

Menu Principale