DEGRADO AL PARCO LE GRAZIE: ASSESSORE BUCARI AMMETTE CHE NON CI SONO I FONDI PER LA MESSA IN SICUREZZA.

parco le grazieDalla risposta che l'assessore Bucari ci ha fornito in relazione all' interrogazione presentata in data 06 Ottobre 2014 dal gruppo consiliare del M5S sulle condizioni di degrado dei giochi e della pavimentazione dell’area giochi del Parco Le Grazie si evince che, al momento, non vi siano fondi da investire per la messa in sicurezza e la sistemazione dei giochi dei bambini siti nel Parco in oggetto.
Dopo varie segnalazione di cittadini che frequentano il parco assiduamente con i loro bambini - segnalazioni rimaste senza risposta sebbene protocollate e dirette alla dirigenza che se ne dovrebbe occupare - abbiamo portato la questione in Consiglio comunale ma l'ammissione per cui il Comune non abbia ad oggi le risorse per una messa in sicurezza dei giochi del parco ci preoccupa non poco.
I giochi dei parchi pubblici sottostanno infatti a norme di sicurezza ben precise e la responsabilità oggettiva è dell'amministrazione qualora vi sia un evento lesivo cagionato da un gioco non manutenuto. I giochi ad oggi non manutenuti rappresentano un pericolo per l'incolumità dei bambini e questo poiché chi dovrebbe provvedere al controllo e alla sicurezza ad oggi non lo ha fatto.
Non ci si può infatti continuare a nascondere dietro alla mancanza di risorse: se il comune non trova poche migliaia di euro per la sicurezza dei giochi dei parchi dei bambini allora smetta di inaugurarne di nuovi come fatto per mera propaganda elettorale durante la campagna delle amministrative 2014, quando gli stessi vengono poi di fatto abbandonati all'incuria senza ricevere la manutenzione dovuta da parte di chi amministra.
Risultano ancor più evidenti le mancanze e l'assenza di logica nella pianificazione degli interventi nella vicenda riguardante la mutilazione della sfinge detta "la Zuccona", dove in assenza della manutenzione ordinaria si è effettuato un disastroso intervento idraulico che ha sfregiato la statua che per essere nuovamente restaurata necessita di un ulteriore intervento del costo di circa 5.000 euro. Chi paga per questi grossolani errori? Sempre e solo i cittadini. E le responsabilità di chi sono? Al solito, del signor Nessuno.

Ultime da Beppegrillo.it

Ultime da Beppegrillo.it

Comunicati Comune di Terni

Comune di Terni

Ultime dal Parlamento

Ultime dal Parlamento

Menu Principale